Contenuto principale

L'I.T.I "Alessandro Volta" di Napoli è una realtà territoriale presente da oltre 130 anni e la sua mission in termini di formazione del personale tecnico è nota sul territorio di Napoli e Provincia.
Nata come Scuola Tecnica Municipale di Napoli, nel 1886 l’Alessandro Volta si trasforma, con una delibera comunale, in Regia Scuola Industriale alle dipendenze del Ministero dell’Industria e del Commercio. Essa offre quattro corsi di formazione: meccanici, fonditori, chimici ed elettricisti, con l’obiettivo di formare abili operai e migliorare il prodotto delle industrie di Napoli. Per le iscrizioni sempre più numerose la scuola si trasferisce dalla sua prima sede, il Convento di S. Pietro ad Aram, negli attuali locali del convento di S. Maria La Fede.
Fino al 1907 l’amministrazione della scuola è affidata a nomi illustri, tra cui il Marchese del Carretto e Luigi Miraglia, insigne economista irpino; nel 1915 viene parificata alle scuole di 3° grado ed assume il nome di Reale Istituto Industriale, poi passa, nel 1948, alle dipendenze del Ministero della Pubblica Istruzione e da tale data ha un corso regolamentato da precise norme tecniche ed amministrative. Nel 1965 l'attuale edificio è sottoposto ad importanti ristrutturazioni per ospitare, in spazi più ampi, la più moderna strumentazione tecnologica. Con il terremoto del 1980 una delle due ali della scuola crolla, biennio viene ospitato per 25 anni nei locali della succursale di Via Gorizia.

Il processo di aggiornamento della dotazione tecnologica caratterizza tuttora la politica culturale e formativa dell’Istituto, che ha come obiettivo il raggiungimento di livelli d’avanguardia nel campo tecnico-scientifico, anche grazie all’introduzione dell’informatica nel 1985, nonostante il recente terremoto e la conseguente divisione in 2 sedi. Nel 2005 è stata consegnata all'Istituto, riedificata per intero la parte strutturale crollata con il Terremoto del 1980, tale struttura ha consentito di lasciare i locali della succursale di Via Gorizia, di ritrovare l’originaria unità di biennio-triennio e di fruire, oggi con lavori in corso dell’ala storica, di un certo numero di aule che hanno consentito il normale svolgersi delle lezioni. Per il triennio 2016/2019 terminati i lavori attualmente in corso l’Istituto completamente ristrutturato e restaurato in ogni sua parte potrà offrire strutture completamente rinnovate e strumentazioni tecniche di ultima generazione.
Non è mai mancata, negli anni, attenzione nei riguardi dei mutamenti storici, sociali, culturali e didattici, per cui l’Istituto svolge un ruolo attivo in rete con il territorio, lavora per progetti e non solo per discipline, forma figure professionali in crescita secondo competenze e nono solo conoscenze, oggi valuta se stesso e il proprio operato e non solo i risultati degli studenti, favorisce la ricerca-azione come strumento di analisi e riflessione per studenti e insegnanti.

Inoltre l’ITI Volta vanta un Museo istituito nel 2000 in cui conserva apparecchiature d’epoca di fisica, chimica, elettrotecnica, meccanica nonché scritti antichi. In virtù di questo l’Istituto ha esposto alcuni strumenti scientifici per “FUTUR@ REMOTO” alla “MOSTRA DI STRUMENTI SCIENTIFICI DAI BORBONE ALL’EPOCA POST UNITARIA”.
L’esistenza del museo nella scuola ha permesso, negli anni, di attivare iniziative formative con esperti esterni sia in relazione al restauro ed alla manutenzione sia rispetto alla gestione e alle imprenditorialità visto che il museo di grande rilevanza storica è stato spesso aperto al territorio ed ai visitatori esterni in occasione del “MAGGIO DEI MONUMENTI”.